La Smart Factory o Industry 4.0

Scritto in Blog il
Smart facotry - Principale

Lavoro, digitalizzazione e connessione

La “Smart Factory” o “Industry 4.0” o, meglio, Fabbrica 4.0, è la definizione simbolica della quarta rivoluzione industriale.
Avviene attraverso la crescente integrazione nei lavori svolti dagli esseri umani di “sistemi cyber-fisici” (CPS), macchine intelligenti e connesse a Internet.
L’idea centrale della fabbrica intelligente è la digitalizzazione e l’informatizzazione della catena di produzione che porta al prodotto finale.

 

 

 

 

 

 

 

Un esempio concreto è Minifaber S.p.A. dove l’innovazione possibile attraverso la “smart manufacturing” è diventata realtà.
Grazie ai continui e costanti investimenti in impianti e macchinari all’avanguardia e al recente acquisto di un laser 3D per il taglio e la saldatura, l’azienda ha ridisegnato il processo di gestione dei particolari realizzati con le tecnologie di punzonatura, taglio laser e presso-piegatrici.
Il disegno del prodotto del cliente in formato 3D viene gestito dal software delle presso-piegatrici per simulare in modo virtuale il processo di piegatura. Trovata la soluzione ideale, il particolare viene quindi gestito dal software di sviluppo della lamiera, che agisce tenendo in considerazione tutti i parametri scelti durante la simulazione (tipologia di cava e lama, dimensioni del raggio lama, caratteristiche del materiale, ecc…). Si ricava così lo sviluppo del particolare da passare ai post-processor delle punzonatrici o taglio laser
Si passa infine alla fase realizzativa del particolare con il vantaggio che tutti i dati tecnici utilizzati durante la simulazione vengono gestiti direttamente dalle macchine e messi a disposizione degli operatori sui rispettivi pannelli di controllo.

In questo modo, l’operatore diventa il supervisore del processo, colui che “certifica” che quanto programmato in modo virtuale, sia realizzato nella realtà garantendo qualità e ripetibilità costanti nel tempo.

Alessandro Rocchi
author Alessandro Rocchi
scrivi commento